Quale sarà il futuro dei processori Intel, Amd e Arm con l’ingresso del GDPR?

Mentre i produttori di hardware e di software cercano la miglior soluzione alle vulnerabilità chiamate Spectre e Meltdown, che affliggono i processori Intel, Amd e Arm costruiti negli ultimi vent’anni (il problema non riguarda i processori della classe 486 e precedenti), gli utenti si interrogano sul futuro dei sistemi che stanno utilizzando, non solo per i problemi di sicurezza individuati (per i quali sono già disponibili alcune soluzioni e certamente ne saranno rilasciate altre nelle prossime settimane) ma per l’annunciata perdita di prestazioni (tra il 20 ed il 30%) che metterà fuori gioco tutti gli apparati che le aziende avrebbero mantenuto in funzione ancora per un anno o due e che dovranno invece sostituire quasi immediatamente per il drastico calo di prestazioni che li renderà inutilizzabili. Leggi tutto