Lo Studio opera nel settore delle nuove tecnologie, assistendo i clienti in sede giudiziale e stragiudiziale, in campo civile, penale, amministrativo e tributario, ed erogando servizi di consulenza e formazione alle aziende pubbliche e private. I suoi componenti sono certificati ISO 19011/2018 per l’audit dei sistemi di gestione.

Commercio elettronico e marketing – E’ sempre più frequente il ricorso delle aziende al commercio elettronico, attraverso siti autogestiti o tramite l’affidamento a terzi della realizzazione e gestione degli stessi, delle campagne di marketing, delle vendite e della logistica. Rapporti che necessitano di consulenza specializzata e che sovente comportano anche la necessità di regolamentare il trattamento dei dati personali di clienti e potenziali clienti, sia per l’affidamento dei database a fornitori di servizi in outsourcing che per la realizzazione di campagne di direct marketing, profilazione clienti, eventi promozionali.

Contratti e contenzioso ICT – La realizzazione dei contratti che regolano i rapporti B2C e B2B, ed hanno ad oggetto la fornitura di beni e l’erogazione di servizi di natura informatica e telematica (ICT), richiede la capacità di esaminare il dato tecnico e rapportarlo all’istituto giuridico idoneo a tutelare il cliente. Occorre disciplinare, dal punto di vista legale, condotte ed eventi che solo un esperto d’informatica è in grado di valutare compiutamente, e coordinare gli istituti giuridici con gli elementi di natura tecnica che costituiscono l’oggetto della transazione. Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) sono ormai presenti in ogni aspetto della vita quotidiana e possono generare contrasti e contenzioso, oltre a farne parte come elemento probatorio o strumento utilizzato per arrecare danno o sottrarre informazioni riservate. I rapporti con gli operatori delle comunicazioni, l’acquisto di beni a distanza, la sottoscrizione di contratti per la fruizione dei molteplici servizi disponibili tramite Internet e reti dedicate, richiedono una conoscenza adeguata del fenomeno tecnico per comprenderne e disciplinarne gli aspetti giuridici.

Crimini informatici – L’assistenza legale in un caso che riguarda crimini informatici non può limitarsi alla semplice cognizione del problema giuridico, perchè sono necessarie competenze di natura tecnica che possono risultare determinanti nel salvaguardare gli interessi del cliente. Saper leggere una perizia, conoscere le problematiche della computer forensic, avere la possibilità di competere con il Pubblico Ministero nell’illustrare al Giudice la reale portata di un evento di natura informatica, sono attività ormai indispensabili per la difesa.

Culture digitali – I nuovi fenomeni che hanno fatto seguito alla nascita dell’informatica e alla successiva digitalizzazione di massa hanno determinato la nascita di nuove culture che possono essere definite “digitali”, poiché caratterizzate da stili di vita e condotte che non trovano riscontro in alcuna altra realtà precedente. L’hacking è oggi una realtà etica ben diversa dal crimine informatico con il quale tuttavia viene spesso confuso. I social network e i sistemi di messaggistica istantanea hanno provocato tali cambiamenti nella società da aver costretto la scuola e le aziende ad integrarli nei loro processi.

Giochi promozionali – La disciplina dei giochi e delle manifestazioni a premi sta assumendo per le attività produttive sempre maggiore importanza, per il numero di clienti che riesce a raggiungere grazie all’uso delle nuove tecnologie. La progettazione e realizzazione di una manifestazione a premi per incentivare l’acquisto di beni e servizi comporta la necessità di coordinare, anche sotto il profilo legale, i diversi canali di comunicazione, senza entrare in contrasto con la disciplina dei giochi di stato, che prevede pesanti sanzioni per gli organizzatori.

Giochi e scommesse – Il mondo dei giochi e delle scommesse è complesso e diviso tra raccolta fisica e raccolta on line. Internet e i circuiti internazionali hanno modificato completamente il concetto di intrattenimento e i nuovi scenari richiedono professionisti esperti nella specifica regolamentazione italiana e comunitaria ma anche capaci di comprendere gli aspetti tecnici delle nuove tecnologie e delle nuove opportunità di gioco, per consentire alle aziende di essere competitive e confrontarsi adeguatamente con gli organismi preposti al controllo.

Nomi a dominio – Il nome a dominio è un importante segno distintivo d’impresa che consente di trovare  la sua “vetrina” sul web. Può essere oggetto registrazione illecita o utilizzo fraudolento da parte di concorrenti senza scrupoli, senza contare il rischio di un sito civetta dedicato alla sottrazione dei dati ai clienti meno esperti (phishing). Le procedure di rassegnazione amministrativa e quelle giudiziarie dinanzi le sezioni specializzate per la proprietà industriale richiedono esperienza e competenze che non si esaurisconone nella sfera giuridica.

PA digitale – Il Codice dell’Amministrazione Digitale, i servizi offerti dalla Pubblica Amministrazione on line e le norme sulla conservazione dei documenti in formato elettronico stanno lentamente ma inesorabilmente modificando i rapporti tra la PA e il cittadino. La fatturazione elettronica, la firma digitale, la posta elettronica certificata, sono solo l’inizio di una trasformazione radicale dei metodi di comunicazione ed archiviazione che avrà riflessi importanti anche sull’economia e sulla competitività delle imprese.

Privacy e protezione dei dati – Le diverse esigenze di sicurezza aziendale (modelli organizzativi, prevenzione dei reati, tutela della riservatezza, tutela della sicurezza e del rapporto di lavoro) richiedono competenze multidisciplinari e professionisti specializzati nel settore informatico e giuridico, per bilanciare l’interesse dell’impresa con quello dei soggetti interessati dal trattamento dei dati personali. Dalla videosorveglianza alla regolamentazione delle risorse tecnologiche, il diritto sposa le tecnologie e non può prescindere dalla loro conoscenza.

Proprietà intellettuale – Il mondo sta cambiando velocemente, e assieme alle tecnologie sta cambiando la concezione dell’opera dell’ingegno, ormai svincolata dal supporto che la incorpora. Il duplicato è identico all’originale, l’opera è “liquida” e non più monolitica, Internet permette di spostarla e distribuirla senza costi aggiuntivi. Alla tendenza dei consumatori di scambiare liberamente testi, musica e video, si contrappone l’interesse delle case produttrici a regolarne e limitarne gli usi (DRM – Digital Rights Management)

Reputazione on line e diritto all’oblio – Proteggere la propria reputazione e controllare i dati personali e dei propri cari è indispensabile per chiunque, poichè non è sufficiente gestire correttamente un sito Internet o un profilo su un social network per essere al riparo dai rischi, dalle critiche, dalla diffamazione. Il potenziale lesivo della comunicazione digitale è ingigantito da forum, blog, siti tematici e testate giornalistiche. Anche senza essere presenti su Internet si è esposti agli effetti della pubblicazione di informazioni, immagini e video lesivi dei propri interessi.

Sicurezza informatica e sistemi di gestione delle informazioni – Le aziende ed i professionisti hanno oggi una estrema necessità di sicurezza, non solo per i loro archivi cartacei e digitali localizzati presso le sedi tradizionali ma soprattutto per i dispositivi mobili, inclusi smartphone e tablet, e i cloud ai quali affidano la gestione di dati e informazioni. Anche il GDPR orienta la tutela dei dati personali all’organizzazione di un sistema di gestione delle informazioni certificato, affinché si possa applicare la logica del miglioramento continuo anche a processi che, finora, non sembravano poter essere ricompresi in tale ambito.

Stalking – Il termine inglese “stalking” indica l’attività persecutoria posta in essere da una o più persone nei confronti di un individuo che, attraverso minacce e molestie, determina un perenne stato di ansia nella vittima e fondato timore per l’incolumità propria e dei propri cari, tale da alterarne le abitudini quotidiane. E’ necessario acquisire prove di natura informatica per documentare l’attività persecutoria che devono sottostare a precise regole di cristallizzazione e conservazione, per poter essere utilizzate nel corso della fase dibattimentale.