Categoria: Digital life

Diffamazione. La responsabilità del moderatore del gruppo social

I recenti interventi della Corte Suprema di Cassazione sulla responsabilità aggravata del reato di diffamazione tramite social network, ai sensi dell’art. 595 cp, co. 2, riporta in auge il connesso problema della responsabilità concorrente degli amministratori del blog o della pagina social ov’è apparso il messaggio denigratorio.

Marketing e intelligenza artificiale: pubblicità aggressiva o reale.

Una giornata trascorsa in una grande città consente di prender nota di numerosi richiami pubblicitari all’intelligenza artificiale che sarebbe integrata nei più recenti dispositivi elettronici in circolazione, inclusi alcuni smartphone a funzionamento parzialmente automatico, in grado di modificare sensibilmente l’esperienza dell’utente nella comunicazione interpersonale.

Quale sarà il futuro dei processori Intel, Amd e Arm con l’ingresso del GDPR?

Mentre i produttori di hardware e di software cercano la miglior soluzione alle vulnerabilità chiamate Spectre e Meltdown, che affliggono i processori Intel, Amd e Arm costruiti negli ultimi vent’anni (il problema non riguarda i processori della classe 486 e precedenti), gli utenti si interrogano sul futuro dei sistemi che stanno utilizzando, non solo per…
Leggi tutto

Data protection e vaccini, l’ok del Garante della privacy

L’esigenza di proteggere e tenere sotto controllo i nostri dati personali è entrata ormai prepotentemente nella nostra vita quotidiana ed anche se molti continuano a chiamarla erroneamente “privacy”, inclusa l’Autorità Garante, aumenta la consapevolezza del cittadino rispetto ai diritti e doveri connessi al trattamento dei dati.

Auto intelligenti. Le perplessità del Garante

Con la newsletter periodica del 30.10.2017, il Garante per la protezione dei dati personali auspica una regolamentazione europea per il progetto C-ITS dell’Unione Europea, che si prefigge lo scopo di rendere più sicure le strade attraverso lo scambio di informazioni tra autovetture e postazioni fisse, per la rilevazione e segnalazione di pericoli, incidenti, traffico congestionato,…
Leggi tutto

Amazon, il gigante cattivo che tratta bene i propri clienti

I commercianti tradizionali si lamentano di Amazon ma si guardano bene dall’adottare le stesse politiche di tutela e soddisfazione della clientela. Il gigante statunitense ha fatto dell’efficienza della sua rete di vendita e di distribuzione un modello che viene studiato a livello internazionale ma, soprattutto, ha previsto tutele per i suoi clienti – considerati il…
Leggi tutto

Tecnologia utile: perchè la PA italiana non la usa?

L’informatica è nata per migliorare la vita dell’uomo o, quantomeno, questo era lo spirito dei primi hacker’s d’America, che ritenevano anche la libertà dell’informazione un elemento imprescindibile del progresso tecnologico. Oggi che esiste la “tecnologia utile“ in quantità industriali, sorge spontanea la domanda: per quale ragione gli amministratori pubblici non la utilizzano?

Iperstressati e iperconnessi

Viviamo nell’era dell’iperconnessione digitale e degli innegabili vantaggi che questo modus vivendi ci garantisce ma stiamo lentamente perdendo l’autonomia di scelta e, conseguentemente, le relative opportunità, a causa del marketing sempre più aggressivo di un mercato dell’hardware che ha bisogno di distruggere se stesso per sopravvivere, anche se detto in questi termini sembra un ossimoro.

PA digitale, percorso ancora lungo

Frequentare le aule di giustizia e la Pubblica Amministrazione italiana in generale è un modo per considerare l’inferno dantesco un luogo di svago e per comprendere quanto sia radicata l’atavica incapacità della PA – e degli Uffici Giudiziari in particolare – di essere al passo con i tempi nell’adozione delle nuove tecnologie.

Sarahah e i cretini dell’Internet

Quando Umberto Eco disse che la Rete aveva dato la parola a legioni di imbecilli fu criticato aspramente, poiché in molti pensarono che il problema sollevato dalle scrittore riguardasse la democrazia, la libertà di manifestazione del pensiero, la fine dei filtri all’informazione.