Articoli

Sarahah e i cretini dell’Internet

Quando Umberto Eco disse che la Rete aveva dato la parola a legioni di imbecilli fu criticato aspramente, poiché in molti pensarono che il problema sollevato dalle scrittore riguardasse la democrazia, la libertà di manifestazione del pensiero, la fine dei filtri all’informazione.

Jammer, rimedio tecnologico agli incidenti in auto

Vivere la strada da motociclista significa confrontarsi ogni giorno con automobilisti che, oltre a non saper guidare, pretendono di parlare al telefono, chattare, scrivere SMS, consultare la posta elettronica, leggere messaggi su Facebook.

Il DPO è una squadra non un singolo consulente

Mettetevelo bene in testa se non volete sorprese: il data protection officer non è un uomo o una donna ma un team. Le competenze sono troppe e non potranno mai essere riunite in un solo soggetto, per quanto preparato e certificato.

Il deep web degli articoli a effetto

Il crescente interesse per il cosiddetto Deep web, ossia quella parte della Rete che non viene indicizzata dai motori di ricerca tradizionali ma alla quale si può accedere tramite programmi dedicati, sta alimentando fantasiose teorie sulla libera disponibilità e sul facile reperimento di qualsiasi materiale.

Dati personali, privacy e trattamento illecito. Risarcibile ogni ipotesi di danno?

La Sentenza n. 29549/2017 della Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Penale, costituisce un punto di contatto tra la gestione illecita dei dati personali e il diritto a tutelare la propria intimità che meglio consente di comprendere il rapporto tra privacy, nel senso tecnico del termine, e diritto alla protezione dei dati personali rispetto al…
Leggi tutto

Fake news? Basterebbe distinguere amatoriale e professionale.

Le fake news sono argomento sul quale si dibatte costantemente negli ultimi mesi, per gli effetti distorsivi che possono avere sull’opinione pubblica e sui comportamenti delle masse.

Attenti al cloud, frodi anche in Italia

Dopo l’annunciata violazione dei server Apple da parte del gruppo Turkish Crime Family, arrivano in Italia le prime email contenenti richieste di denaro da parte dei titolari (in realtà inconsapevoli) di account iCloud, nelle quali si rappresenta un serio problema ed una immediata necessità di risolverlo.

Deposito atto tramite PEC. Dignità al difensore.

Il deposito si considera perfezionato con la ricezione della email attestante l’avvenuta consegna, essendo irrilevante la successiva gestione del fascicolo da parte della Cancelleria.

Truffe on line. La competenza segue il profitto.

Interessante Sentenza della V Sezione Penale della Corte Suprema di Cassazione, del 20 ottobre 2016, che annulla i giudizi di primo e secondo grado e restituisce gli atti al PM competente per territorio.

Fake news. Riflessioni sul DDL

Il disegno di legge per il contrasto alla diffusione di notizie idonee a turbare l’ordine pubblico, attraverso piattaforme informatiche, risente di una distorsione ideologica che merita particolare attenzione, poiché, ancora una volta, pone l’accento sull’uso della tecnologia e non sul comportamento da reprimere, con il rischio, evidente nel disegno di legge, di criminalizzare il libero…
Leggi tutto